Generalni konzulat RS Trst /Novice /
09.11.2010  

Minister za delo, družino in socialne zadeve dr. Ivan Svetlik položil vence pri Sv. Ani in Škednju ter odkril ploščo RS v Rižarni

 

 

Spoštovane gospe in gospodje,

So dnevi žalosti in so dnevi veselja, so dnevi spomina in so dnevi opomina. Naj bo današnji pozno jesenski dan prav tak dan; dan, ki bo združeval vse našteto.

 Z žalostjo in bolečino v srcu se spominjamo hudih časov II. svetovne vojne, ko so pod roko fašistične in nacistične morije umirali nedolžni ljudje. Mnogi smo za zmeraj izgubili svoje najdražje. In tudi mesto, na katerem smo danes zbrani, ni bilo izjema in spomin na vse to ne sme zbledeti.

Rižarno so v oktobru 1943 kot bivšo sušilnico riža člani Einsatzkommanda Rainhard spremenili v zapor, zbirno mesto za deportacijo v Nemčijo in skladišče naropanega blaga. Kmalu so v njej zgradili krematorijsko peč in s pomočjo lokalnih oblasti začeli z aretacijami. Zapor in posebne celice so se polnili s Slovenci in Hrvati iz Trsta in Istre, ki so bili osumljeni partizanstva ali sodelovanja v odporu proti Nemcem in njihovim pomočnikom. Tam so se znašle tudi številne židovske družine iz Trsta, Benetk ter istrskih mest in vasi. Na poti v nemška taborišča ali pa v krematorij so se jim pridružili tudi italijanski antifašisti.

Dokazi in dokumenti o nasilju in grozotah, ki so se dogajale za zidovi rižarne, so po večini izginili konec aprila 1945, ko so Nemci požgali dokumente, nato pa razstrelili dimnik, garažo in krematorij. Dokumenti o Rižarni so izginili tudi iz tržaških uradov.

Ostala pa so pretresljiva pričevanja preživelih, napisi na stenah in več kot 3.500 osebnih dokumentov, ki so jih kljub požigu še našli v prostorih Rižarne.

Naj predstavlja ta spominska plošča na območju nekdanje Rižarne trajen in iskren spomin na vse tukaj ubite oziroma trpinčene in hkrati naj bo opomin, da se kaj takega nikoli več ne ponovi.

 Rižarna nas opominja na trpljenje, grozoto, bolečino, smrt in hkrati, v simboličnem smislu  predstavlja mesto poguma, želje po življenju in preživetju.

 Republika Slovenija se zaveda pomena preteklih dogodkov. Zavedamo, da bomo z ohranjanjem spomenikov in spominskih obeležij lahko ohranili spomin na preteklost ter tako ohranjali izročila evropske kulturne in zgodovinske dediščine.

 Da se take in podobne tragedije ne bi več zgodile, je treba spoštovati pravice vsakega posameznika. Vedno znova je potrebno poudarjati pomen človekovih pravic in človekovega dostojanstva ter dostojno življenje kot najvišjo vrednoto.

 Ne smemo dopustiti, da bi se še kdaj ponovilo, da človek ne bi bil več človek, pač pa le brezpravna številka v množici sotrpinov. Takšna je bila kruta usoda vseh vojn, še posebej II. svetovne vojne.

 

Spoštovani,

 naj predstavljajo spominska obeležja padlim večen spomin nanje ter trajen opomin vsem živečim, da se grozote vojn nikdar več ne ponovijo. Naj spominska obeležja predstavljajo trajno vez med življenjem in smrtjo.

 Potrudimo se v slogi in miru, brez nestrpnosti in sovraštva, da bosta današnji in jutrišnji dan lepša in boljša - da bodo spoštovane pravice vsakega posameznika, kljub njegovi drugačnosti.

 Pustimo, da nas prevevajo prijateljstvo, veselje in iskrenost ter zaupanje do sočloveka.

 V imenu Republike Slovenije in v svojem imenu izražam iskren poklon vsem tukajšnjim žrtvam, kakor tudi vsem žrtvam morije II. svetovne vojne širom sveta. Naj spomin nanje živi večno.

 

 

 

 

Prevod

 

 

 

Signore e signori,

Ci sono giorni di tristezza e giorni di felicità, giorni della memoria e giorni di monito. Possa questa giornata di autunno inoltrato essere tutto ciò.

 E' con tristezza e dolore che ricordiamo il tragico periodo della seconda guerra mondiale quando per mano fascista e nazista persero la vita tanti innocenti. Allora molti di noi persero per sempre i propri cari. E anche il luogo dove ci troviamo oggi ne è testimonianza. Facciamo in modo che tutto ciò non cada nell'oblio.

Nell'ottobre del 1943 i capi dell'Einsatzkommand Rainhard fecero di questi fabbricati, che erano stati un tempo una pileria di riso, un carcere, un centro di raccolta per le deportazioni in Germania, un magazzino per lo stoccaggio delle loro razzie. Ben presto vi costruirono un forno crematorio e con l'ausilio delle autorità locali cominciarono ad arrestare le persone. La prigione e le celle speciali, appositamente costruite, vennero riempite di sloveni e croati di Trieste e dell'Istria, sospettati di appartenere al movimento partigiano e alla resistenza contro i tedeschi e i loro alleati. Vi finirono anche molte famiglie ebree di Trieste, Venezia, città e villaggi istriani. Li accompagnarono verso i campi di concentramento tedeschi o il crematorio anche antifascisti italiani.

Le prove e i documenti sulle violenze e gli orrori che avvenivano qui tra le mura della Risiera per la gran parte scomparvero alla fine dell'aprile del 1945, quando i tedeschi bruciarono i documenti e fecero saltare in aria la ciminiera, l'autorimessa e il crematorio. I documenti sulla Risiera scomparvero anche dagli uffici di Trieste.

Rimasero però le agghiaccianti testimonianze dei superstiti, le iscrizioni sulle pareti e più di 3.500 documenti d'identità personali, sopravvissuti in Risiera anche agli incendi dell'ultima ora.

Possa essere questa targa commemorativa all'interno della Risiera un durevole e sincero ricordo di tutti coloro che qui furono seviziati e persero la vita, e monito, perché fatti simili non possano succedere mai più.

La Risiera ricorda le sofferenze, il terrore, il dolore, la morte, ma al contempo simboleggia anche il coraggio, la volontà di vivere e di sopravvivere.

La Repubblica di Slovenia è consapevole dell'importanza di questi eventi passati. Ci rendiamo conto che con la conservazione ed il rispetto dei monumenti e dei manufatti commemorativi conserveremo la memoria del passato nonché il retaggio culturale e storico dell'Europa.

Perché tali e simili tragedie non possano più verificarsi vanno rispettati i diritti di ogni singolo individuo. Va ribadita con insistenza l'importanza dei diritti umani, della dignità umana nonché di una vita dignitosa come valore supremo.

Non dobbiamo permettere che possa succedere di nuovo, che l'uomo non sia più tale ma solo un numero in una moltitudine di infelici. E' stata purtroppo tale la conseguenza di tutte le guerre, e in particolar modo della seconda guerra mondiale.

 

Signore e signori,

Possano anche tali lapidi commemorative fare la loro parte nella conservazione della memoria eterna dei caduti ed essere monito per i vivi, affinché gli orrori della guerra non si ripetano mai più. Possano inoltre rappresentare il legame durevole tra la vita e la morte.

Adoperiamoci per la concordia e la pace, mettiamo da parte l'intolleranza e l'odio, affinché il nostro oggi e il domani possano essere più belli e migliori, affinché siano rispettati i dirtti di ogni persona anche se diversa da noi.

Lasciamoci pervadere dallo spirito di amicizia, dalla serenità, dalla franchezza, confidiamo nel prossimo.

Nella veste di rappresentante della Repubblica di Slovenia ma anche a titolo personale voglio rendere un sincero omaggio a tutte le vittime di questo luogo, e assieme a loro a tutte le vittime della seconda guerra mondiale dovunque esse riposino. Possa vivere per sempre il loro ricordo.